VENERDI' 18 MAGGIO: AL PLANETARIO I RETROSCENA DE "IL CASO GALILEO"
Scritto da Pietro Baruffetti   
Martedì 15 Giugno 2021 14:51

Venerdì prossimo, 18 giugno, alle ore 21.15 appuntamento settimanale al planetario comunale "A. Masani" di via Bassagrande 47 a Marina di Carrara. La partecipazione sarà sottoposta alle norme igieniche vigenti e potrà avvenire esclusivamente mediante prenotazione anticipata scritta, con le modalità indicate nel sito web e nella pagina fb del Gruppo Astrofili Massesi. L’incontro di questo venerdì avrà come tema “Galileo fra storia e mito”. Verranno infatti presentati, in ordine cronologico, i fatti scientifici, tecnici, politici e teologici che ruotano attorno alle vicende del grande scienziato, padre del metodo scientifico. Come si potrà vedere le grandi rivoluzioni e le vicende epocali nascono spesso su particolari apparentemente secondari, non escluse le relazioni umane. Seguirà la visione del cielo (sotto la cupola, e meteo permettendo, anche nel cielo reale) per riconoscere le costellazioni e le stelle principali, e osservare la Luna (alla cui osservazione si dedicò a lungo, con bellissimi disegni, Galileo attorno al 1610), con i loro miti e i loro dati scientifici. Data la limitatezza dei posti disponibili (15) ci scusiamo fin d’ora con chi dovesse risultare escluso.

Nell’immagine: Galileo e il papa che lo condannò, Urbano VIII. Nella vicenda del (secondo) processo a Galileo, conclusasi nel 1633 con l’abiura, ebbe un ruolo non marginale il rapporto inizialmente di stima reciproca tra i due, che divenne poi una amicizia tradita. Ovviamente chi deteneva il potere maggiore la vinse, causando però un “vulnus”alla Chiesa che intendeva difendere.

 
Due appuntamenti astronomici: una eclisse e le foto astronomiche più belle
Scritto da Pietro Baruffetti   
Martedì 08 Giugno 2021 15:52

I due appuntamenti GAM con la didattica astronomica di questa settimana

Si comincia giovedì mattina, 10 giugno, con l'osservazione di una eclisse parziale (molto parziale!) di Sole che avrà il suo massimo alle 12h18m. L’eclisse si produrrà molto a nord sulla Terra (inizierà nel Canada settentrionale, per passare poi sopra la parte più a nord della Groenlandia, sopra il Polo Nord e terminare in Siberia). Dalle nostre zone sarà visibile solo una “piccola dentatina” verso l’alto del Sole, che inizierà, per noi, alle ore 11h45m per arrivare al suo “massimo” (1,5% di oscuramento…) alle 12h18m e terminare alle 12h52m. Ricordiamo di non osservare a lungo l’eclisse se non con filtri professionali. Solo per uno sguardo di sfuggita e rigorosamente soltanto ad occhio nudo, possono essere utilizzati la parte nera di vecchie pellicole, o lastre di radiografie, o vetri da saldatore. Ma, lo sottolineiamo, solo per pochi secondi, onde evitare danni alla vista. I momenti più adatti saranno fra le ore 12 e le 12h30m. Per una visione più tranquilla sulla pagina fb del gruppo astrofili massesi, sarà trasmessa in diretta, dalle 11h30m alle 13h , l’eclisse come apparirà nella nostra zona, ripresa con strumenti professionali GAM.

Venerdì 11 sarà poi la volta del consueto appuntamento settimanale al planetario comunale "A. Masani" di via Bassagrande 47 a Marina di Carrara. L’orario tornerà quello tradizionale delle 21h15m. La partecipazione sarà sottoposta alle norme igieniche vigenti e potrà avvenire esclusivamente mediante prenotazione anticipata scritta, con le modalità indicate poco qu' sotto oppure nella citata pagina fb del Gruppo Astrofili Massesi. L’incontro di questo venerdì avrà come tema “L’Universo come opera d’arte” e consisterà in una presentazione commentata di alcune decine fra le più belle foto astronomiche, anche degli ultimi giorni (compresa magari, si spera, una foto dell’eclisse anulare ripresa il giorno prima dalla Groenlandia…). Seguirà anche una visione del cielo (sotto la cupola, e meteo permettendo, anche nel cielo reale) per riconoscere le costellazioni e le stelle principali con i loro miti e i loro dati scientifici. Data la limitatezza dei posti disponibili (15) ci scusiamo fin d’ora con chi dovesse risultare escluso.

Nell’immagine: una foto della fase iniziale dell'eclisse totale del 21 agosto 2017, ripresa, dagli USA, da uno dei tre gruppi di soci GAM recatisi nrgli Stati Uniti per seguire tale l'eclisse. Al suo massimo l'eclisse di giovedì prossimo sarà poco più grande delle dimensioni di quella in foto. Per una eclisse più cospicua, occorre aspettare (per la nostra zona) il 12 agosto 2026. Quel giorno si avrà una eclisse totale che interesserà il nord della Spagna. Da noi assisteremo ad una bella eclisse parziale, in cui il Sole (che sarà prossimo al tramonto) risulterà coperto dalla Luna per circa il 94%.

 
VENERDI’ AL PLANETARIO: “COME SI VIAGGIA NEL SISTEMA SOLARE”
Scritto da Pietro Baruffetti   
Mercoledì 02 Giugno 2021 16:25

L’incontro di questo venerdì, 4 giugno ore 21, al planetario comunale di via Bassagrande 47 a Marina di Carrara, partirà da un tema insolito. Sarà infatti dedicato a “Come viaggiare nel Sistema Solare”. Il relatore, un socio GAM recentemente laureatosi in Ingegneria Spaziale, svelerà alcuni del “piccoli segreti” per chi voglia prendere il "patentino" da astronauta.  Scherzi a parte, navicelle e sonde per potersi muovere fra i pianeti devono seguire percorsi che sfruttano le leggi della gravitazione. Infatti quasi il 100% del volo è effettuato senza nessuna accensione del motore, ma sfruttando le forze gravitazionali (della Terra ma anche del Sole e degli altri pianeti). Per questo raggiungere un pianeta lontano non significa partire in direzione del pianeta stesso, ma seguire traiettorie talvolta apparentemente assurde: ad esempio passare prima da Venere per raggiungere Giove, Saturno ecc.

Dopo questa prima parte teorica ci sarà, come consueto, la visione delle stelle sotto la cupola del cielo (con possibilità di osservare cieli di ogni epoca e località della Terra) e, meteo permettendo, il riconoscimento delle costellazioni all’esterno e con l’osservazione dei principali oggetti celesti che brillano nel cielo di questo periodo, compreso uno sciame di satelliti artificiali. Ricordiamo infine che in questo periodo di misure Anti-Covid, l’accesso è per numero massimo di 12 visitatori e può avvenire solo su prenotazione obbligatoria da effettuarsi via whatsapp o sms (al numero 333-1731533), o via mail all’indirizzo del planetario stesso: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Il dettaglio delle misure di prevenzione applicate è visionabile sulla home page del sito www.astroflimassesi.it .

Nell’immagine: l’interno del planetario durante una lezione

 
MERCOLEDI' 2 GIUGNO, APERTURA POMERIDIANA DEL PLANETARIO
Scritto da Pietro Baruffetti   
Sabato 29 Maggio 2021 10:12
Alla fine del secondo lockdown, sono finalmente riprese, con questo venerdì, le attività pubbliche in presenza, presso il planetario comunale "A. Masani" di via Bassagrande 47 a Marina di Carrara. La prossima sarà una apertura pomeridiana (inizio ore 18) del 2 giugno, festa della Repubblica. Sarà occasione anche per poter vedere i nuovi pannelli, aggiornati, del modello in scala del Sistema Solare presente nel parco della scuola del Paradiso, che ospita il planetario. La partecipazione è sottoposta alle norme igieniche vigenti e potrà avvenire esclusivamente mediante prenotazione scritta con le modalità indicate nel sito web www.astrofilimassesi.it e nella pagina fb del Gruppo Astrofili Massesi. Data la limitatezza dei posti disponibili (15, assai ridotti rispetto alla capienza ordinaria) ci scusiamo fin d’ora con chi dovesse risultare escluso. Questo tipo di aperture, particolarmente adatte a gruppi con bambini piccoli, non ha un tema teorico specifico, ma verranno presentati appunto il modello in scala del Sistema Solare e le 3 meridiane presenti nel parco della scuola, oltre che la visione di stelle e costellazioni sotto la cupola del planetario e l’osservazione del Sole al telescopio.

Nella foto: una immagine di una visita pomeridiana di qualche tempo fa.  I partecipanti stanno vedendo una inconsueta meridiana usata in Egitto nei primi secoli d.C.
 
RIAPRE IL PLANETARIO COMUNALE DI MARINA DI CARRARA
Scritto da Pietro Baruffetti   
Mercoledì 26 Maggio 2021 08:32

Alla fine del secondo lockdown, riprendono finalmente le attività pubbliche in presenza, presso il planetario comunale "A. Masani" di via Bassagrande 47 a Marina di Carrara. Le prime aperture al pubblico saranno questo venerdì 28 e la successiva domenica 30 maggio. L’orario, per permettere di rientrare entro gli orari attualmente prescritti per il “coprifuoco”, sarà dalle ore 21 alle 22:40). La partecipazione sarà sottoposta alle norme igieniche vigenti e potrà avvenire esclusivamente mediante prenotazione scritta obbligatoria tramite l'e.mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o sms o whatsapp al 333 1731533, con le modalità indicate nel sito web e nella pagina fb del Gruppo Astrofili Massesi. Questi due primi incontri avranno come tema “L’origine dell’Universo” e verrà presentato come questa possa essere avvenuta, alla luce delle conoscenze e teorie più recenti. Seguirà anche una visione del cielo (sotto la cupola, e meteo permettendo, anche nel cielo reale) per riconoscere le costellazioni e le stelle principali con i loro miti e i loro dati scientifici. Data la limitatezza dei posti disponibili (15, ridotti rispetto alla capienza ordinaria) ci scusiamo fin d’ora con chi dovesse risultare escluso. In occasione poi della festività del 2  giugno avremo una prima riapertura pomeridiana (ore 18). Quest’ultimo tipo di aperture, particolarmente adatte a gruppi con bambini piccoli, non ha un tema teorico specifico, ma verranno presentati il modello in scala del Sistema Solare e le 3 meridiane presenti nel parco della scuola del Paradiso (che ospita il Planetario), oltre che stelle o costellazioni sotto la cupola del planetario e l'osservazione del Sole al  telescopio.

Nella foto: una immagine di qualche anno fa, quando al planetario si potevano ospitare fino ad un centinaio di presenze. Ma i tempi ritorneranno.

 
REGOLAMENTO AMMISSIONE DEL PUBBLICO ALLE INIZIATIVE DEL PLANETARIO
Scritto da Pietro Baruffetti   
Mercoledì 26 Maggio 2021 08:01

SINTESI REGOLAMENTAZIONE ACCESSO ALLE INIZIATIVE PUBBLICHE NEL PLANETARIO

1 – L’ingresso è consentito per un massimo di 15 partecipanti, esclusivamente previa prenotazione obbligatoria al 333 1731533 (sms/whatsapp) o via mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. entro le ore 17 dei giorni delle iniziative.  Al momento della prenotazione dovrà essere comunicato il nominativo dei singoli partecipanti, il luogo e la data di nascita di ognuno e un cellulare di riferimento. Gradita, ma non obbligatoria, la segnalazione della posizione vaccinale dei singoli partecipanti (nulla, 1a o 2a vaccinazione, guarito ecc.). L'accettazione delle prenotazioni, lo ripetiamo, sarà fino ad un max di 15 presenze e avverrà secondo l'ordine di prenotazione: ci scusiamo fin d'ora con chi dovesse risultare escluso, invitando a prenotare per un'altra iniziativa. A stretto giro di posta ad ogni prenotazione verrà data conferma della disponibilità dei posti per l'evento scelto.

2 – All’ingresso ogni partecipante dovrà sottoporsi alla misura della temperatura mediante termometro ad infrarossi, sottoscrivere un modulo di autocertificazione del suo stato di salute e non contagiosità attuale per il Covid 19. Tale autocertificazione sarà conservata per 4 settimane presso la sede GAM ai soli fini di eventuali comunicazioni sanitarie ai partecipanti. La documentazione verrà distrutta alla fine della quarta settimana dalla partecipazione all’iniziativa.

3 – E’ obbligatorio l’uso di idonee mascherine e il mantenimento della distanza di oltre 1m dagli altri visitatori, durante l’intera iniziativa. E’ ugualmente obbligatoria l'igienizzazione delle mani (con idoneo gel distribuito dal personale all'ingresso) e seguire le istruzioni impartite dagli operatori, per l’ingresso, l'uso delle sedie e l’uscita dagli spazi.

4 – Data la loro natura di strutture vecchie non sanificabili, non sarà permesso l’utilizzo dei servizi igienici da parte dei visitatori. Non sarà ammesso l’ingresso di animali domestici. Ce ne scusiamo fin d’ora.

5- Al fine di non "monopolizzare" una lezione e  permettere la fruizione delle lezioni serali da parte di un pubblico variegato, si fa presente che i gruppi composti da 9 persone o più che intendano prenotare, potrebbero essere invitati a concordare una data diversa, specifica per il loro gruppo.

 
VENERDI' 21 maggio, a Planetario on line. Risolto "il mistero dei neutrini mancanti"
Scritto da Pietro Baruffetti   
Giovedì 20 Maggio 2021 15:05
Venerdì 21 maggio, ore 21:30, ultimo appuntamento di "planetario on line", la serie di lezioni con cui il Planetario comunale di Marina di Carrara ha tenuto compagnia ai numerosi curiosi e appassionati dei fatti astronomici. Dal successivo appuntamento si tornerà in presenza, con regole di sicurezza, obbligo di prenotazione, numero chiuso ecc che dettaglieremo la prossima settimana. L'incontro di questo venerdì sarà dedicato ai NEUTRINI SOLARI.

L’esigenza di trovare una verifica sperimentale delle reazioni nucleari solari ipotizzate ad inizio XX secolo, condusse ben presto a quello che sembrò un problema insormontabile: il Sole apparentemente produceva nettamente meno neutrini del previsto. Il fatto venne poi battezzato dall'astrofisico John Bahcall come "Il mistero dei neutrini mancanti". Oggi il problema è stato risolto: se volete conoscere la soluzione del mistero, collegatevi alla pagina facebook del Gruppo Astrofili Massesi a partire appunto dalle 21.30 di domani. La lezione rimarrà comunque disponibile sulla stessa pagina per essere (ri)vista anche in seguito.

Rilevare i neutrini è infatti l’unico modo di ottenere informazioni dirette dalle regioni centrali del Sole, in quanto si tratta delle più sfuggenti tra le particelle, le uniche in grado di uscire indisturbate dalla nostra stella.

Nell'immagine: un foto inconsueta del Sole, per metà coperto da una nuvola, e con un getto di plasma sulla destra. Si distingue bene la trama superficiale della nostra stella.
 
venerdì 9 aprile , per "Planetario on line" si parla di Pascoli e l'Astronomia
Scritto da Pietro Baruffetti   
Mercoledì 07 Aprile 2021 22:11

Continuano on line, in attesa di poter riprendere dal vivo, gli incontri del calendario del Planetario cmunale "A. Masani" di Marina di Carrara. Questo venerdì, a partire dalle 21:30, sulla pagina fb del "gruppo astrofili massesi" andrà in onda, in diretta, la lezione su "Pascoli e il cielo stellato". Pascoli fa degli oggetti del cielo (dalle stelle cadenti del X agosto, alla Luna, ai vortici che trascinano il cielo e il suo destino) un elemento fra i più ricorrenti della sua poetica. Il poeta, che come ricordiamo soggiornò a Massa nei suoi primi anni di insegnamento, fu anche un grande appassionato di astronomia, che ha sparso a piene mani nelle sue poesie, ricercando nel cielo notturno figure simboliche, ma anche esempi rigorosamente corretti, alla luce delle conoscenze scientifiche del suo tempo. Nella sua biblioteca di Castelvecchio di Barga, ove ora riposa, non mancano libri aggiornati di astronomia, tante volte consultati.

Nell'immagine: Una foto di Pascoli

 
Un altro dottorato in Astronomia, fra i soci GAM
Scritto da Pietro Baruffetti   
Martedì 30 Marzo 2021 11:08

Ormai sta diventando una piacevole abitudine. Abbiamo il piacere di poter annunciare un nuovo importante traguardo raggiunto da uno dei giovani GAM. A meno di un mese da due traguardi analoghi conseguiti da altri due soci, ieri ha brillantemente conseguito, cum laude, il dottorato di ricerca in Astronomia, presso l’Università di Padova, la nostra socia massese dott.ssa Cecilia Lazzoni. Ha discusso una interessantissima e innovativa tesi osservativa, frutto di oltre 3 anni di studi, sulla possibilità di osservare direttamente pianeti e addirittura lune di altre stelle. Come pure le elusive fasce di oggetti (tipo le nostre fasce di asteroidi) che ruotano attorno a stelle, alcune "giovanissime", distanti anche un migliaio di anni luce! Si tratta dei famosi esopianeti, come vengono comunemente chiamati, la cui ripresa diretta è difficilissima e sono pertanto scoperti finora praticamente solo in maniera indiretta, analizzando gli effetti che producono sulla luce o lo spettro della loro stella. Il GAM esprime la sua soddisfazione e i suoi complimenti per il conseguimento del dottorato di ricerca di Cecilia, che si aggiunge alla dozzina (quasi tutte al femminile) di dottorati, laureati e laureandi nel settore dell’astronomia, di giovani della nostra zona. La stessa Cecilia, che aveva studiato presso il Liceo Scientifico di Massa, intende proseguire nel lavoro di ricerca astrofisica, e la sua tesi è frutto di collaborazione internazionale e di sue osservazioni e visite a uno dei maggiori osservatori astronomici mondiali, quello del Cerro Paranal nel deserto di Atacama in Cile (vedi foto). Ad maiora.


Nella foto: Cecilia Lazzoni durante la sua missione osservativa in Cile, davanti a uno dei quattro telescopi di 8,2 metri che formano complessivamente il VLT (Very Large Telescope, letteralmente, in italiano, "telescopio molto grande"), attualmente uno dei maggiori strumenti astronomici operativi sulla Terra
 
PER IL PROSSIMO DANTEDI' ANCHE IL GAM RENDE OMAGGIO ALL'ALIGHIERI
Scritto da Pietro Baruffetti   
Martedì 23 Marzo 2021 12:01
Come crediamo molti sappiano, questo giovedì 25 marzo viene celebrato il "Dantedì" come occasione di (ri)conoscenza del valore poetico, culturale, ma anche se vogliamo astronomico, di Dante Alighieri. Abbiamo già in programma una lezione su di lui al Planetario (speriamo sia allora finalmente possibile, "in presenza") il prossimo 12 settembre, in occasione del 700° della sua morte, avvenuta in Ravenna il 14 settembre 1321. Vogliamo comunque partecipare anche a questa occasione (scelta perché capodanno fiorentino dell'epoca e come una delle possibili tre date in cui è ambientato l'inizio del viaggio di Dante entrando nella Selva Oscura), ripubblicando, sulla pagina fb di gruppo astrofili massesi la lezione di Planetario on line che dedicammo alla Commedia dantesca lo scorso anno. Quindi mercoledì 24 e giovedì 25 riproporremo, come dicevamo sulla pagina fb del gruppo astrofili massesi, il video di tale lezione dell'anno scorso. Arrivederci.

Nell'immagine: Dante in un dipinto dello street artist Kobra (a Ravenna)
 
VENERDI' 19 MARZO: per "Planetario Online" appuntamento con "ANCHE GLI ASTRONOMI SBAGLIANO"
Scritto da Pietro Baruffetti   
Mercoledì 17 Marzo 2021 15:29
Venerdì 19 marzo, a partire dalle 21:30, diretta on line della lezione che era prevista per tale data presso il Planetario Comunale "A. Masani" di Marina di Carrara. Il titolo è "Anche gli astronomi sbagliano" e sarà possibile vederla sulla pagina facebook "astrofili massesi", come un utile esempio di come funzioni la ricerca scientifica. Spesso, specie in questo periodo di pandemia, si sente dire "l'ha detto uno scienziato", o fake quali Terra piatta, No vax e chi più ne ha più ne metta. Il metodo scientifico, i cui principi furono creati da Galileo, non pretende di avere verità assolute su ogni aspetto della Scienza, ma solo di ritenere valida (in attesa di concrete prove in contrario) una affermazione, soltanto se ha superato il vaglio del metodo stesso. Facciamo un esempio in astronomia. Per millenni si è creduto che i pianeti del sistema Solare ruotassero attorno alla Terra. Non si era trovata una motivazione di perché questo dovesse avvenire, però il sistema di calcolo (essenzialmente dovuto alla sintesi di Claudio Tolomeo) permetteva di spiegare i comportamenti osservati, di calcolare con ottima precisione i movimenti dei pianeti, le eclissi ecc.
Partendo dagli stessi dati osservativi, Copernico ipotizzò che in realtà Terra e pianeti ruotassero attorno al Sole. Ma anche la sua rimaneva soltanto una ipotesi. Non diede, e non poteva, una spiegazione di perché ciò dovesse accadere. L'osservazione delle fasi di Venere da parte di Galileo col suo telescopio, dimostrò che il sistema tolemaico non era corretto, ma non dimostrava in maniera indubitabile che Copernico avesse ragione. Ci vollero altre prove, la legge di Newton, le orbite ellittiche, l'aberrazione della luce, la misura della velocità della luce ecc. per dimostrare che la Terra si muovesse attorno al Sole. Oggi, ad esempio, nella Relatività, anche il concetto di gravità non esiste più: i pianeti si muovono a causa del fatto che tutti i corpi massicci deformano la trama spazio-temporale dell'Universo, sotringendoli alle loro orbite. E, probabilmente, fra qualche anno anche la teoria della Relatività subirà piccoli ritocchi. In tutti questi passaggi si è sempre andati ogni volta più vicino alla realtà dei fenomeni, ma nuove osservazioni, nuovi strumenti, nuove ipotesi verificate con esperimenti, pian piano spingeranno sempre più in la le nostre conoscenze. Nella lezione si raccontano quindi alcune ipotesi fatte in passato, anche da parte di grandissimi scienziati, che poi sono state superate da studi successivi. Il video della diretta rimarrà sulla pagina fb degli astrofili massesi. Però durante la diretta sarà possibile interagire, porre domande o idee.
Nell'immagine, Galileo Galilei. Anche tale immenso scienziato prese i suoi "granchi". Forse non tutti sanno che i due suoi testi fondamentali per l'origine del metodo scientifico, "Il Saggiatore" e il "Dialogo sovra i due massimi sistemi del mondo" partono da ipotesi sbagliate. Diceva, con ragione, un vecchio Carosello: "sbagliando s'impara"
 
«InizioPrec.1234567Succ.Fine»

Pagina 3 di 7