VENERDI' AL PLANETARIO: "EINSTEIN E L'ASTRONOMIA" E-mail
Scritto da Pietro Baruffetti   
Mercoledì 30 Giugno 2021 09:44

Questo venerdì 2 luglio, alle ore 21,15, sfidando la coincidenza con la partita della Nazionale, consueta lezione settimanale presso il Planetario comunale "A. Masani" di via Bassagrande 47 a Marina di Carrara. Si partirà prendendo spunto dal tema "tutto è relativo: Einstein e l'astronomia".L'incontro sarà occasione per chiarirsi i concetti legati alla "Teoria della Relatività Generale" promulgata poco più di 100 anni fa. In essa era, ad esempio, prevista l'esistenza di "onde gravitazionali", che sono state rilevate con molto interesse per la prima volta pochi anni fa; osservazione che è valsa, per i principali protagonisti, il premio Nobel per la fisica assegnato nel 2017.

E' questo solo uno dei tanti legami fra Astronomia e Einstein, da cui il titolo dell'incontro. Per citarne almeno un altro, forse non tutti sanno che fu proprio una osservazione astronomica (durante un'eclisse di Sole di poco più di 100 anni fa - per l'esattezza il 29 maggio 1919) a fornire una prima decisiva prova che le ipotesi di Einstein - che rivoluzionavano in gran parte concetti comuni quali quello di spazio o di tempo - erano verificate nella realtà e che quindi la fisica andava in buona parte riscritta od aggiornata. Nell'incontro verranno spiegati, in maniera semplice ed accessibile, i concetti base della Relatività Generale, con particolare riferimento ai fenomeni astronomici. Si devono, infatti, alle teorie di Einstein la spiegazione di fenomeni quali i buchi neri, il progressivo modificarsi delle orbite planetarie, le lenti gravitazionali, le anomalie osservate in alcune galassie.

All’inizio ed al termine dell’incontro teorico, i consueti appuntamenti col cielo come appare sotto la cupola del planetario, e, meteo permettendo, con l'osservazione diretta nel cielo, ad occhio nudo ed al telescopio degli oggetti astronomici visibili, in questo periodo. In questo periodo valgono norme di sicurezza molto stringenti dettagliate sul sito e sulla pagina fb del gruppo astrofili massesi (che gestisce il planetario). saranno ammesse solo le prime 15 persone che si saranno prenotate, obbligatoriamente solo via sms o whatsapp al 333 1731533, o tramite l'indirizzo mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Nell’immagine: Einstein nel 1931, mentre osserva col telescopio di Monte Wilson (all'epoca il più grande telescopio del mondo). Sullo sfondo Edwin Hubble. Quest’ultimo aveva scoperto 2 anni prima la legge che afferma che tutte le galassie si stanno allontanando dalla nostra, con velocità proporzionale alla distanza; la cosiddetta legge di Hubble (o, più correttamente, di Hubble-Lamaitre), da cui scaturirà di lì a poco l'ipotesi del Big Bang. Tale ipotesi  inizialmente non piacque per nulla ad Einstein, che elaborò addirittura una teoria alternativa, ritrovata recentemente fra i suoi appunti del 1931.