Venerdì a planetario on line si parla di Astronomia nel Vecchio Testamento
Scritto da Pietro Baruffetti   
Venerdì 01 Ottobre 2021 10:45
Venerdì 1 ottobre, a partire dalle 21:30, per planetario on line avremo un incontro in diretta su un tema un po’ speciale. Ovvero “Astronomia nell’Antico Testamento”. La Bibbia, infatti, come libro antico la cui scrittura definitiva ha preso probabilmente quasi un millennio e riporta vicende probabilmente assai più antiche, non poteva mancare di riportare, in maniera esplicita o in maniera non chiara, concezioni e perfino possibili eventi astronomici. Fra gli espliciti il tornare indietro della zmeridiana del palazzo del re Acaz, fra gli impliciti per cui è possibile forse avanzare anche una spiegazione astronomica, il celebre “fermati Sole” di Giosuè. L’incontro, potrà essere seguito in diretta o comunque rimarrà registrato sulla pagina fb del gruppo astrofili massesi. Il vantaggio della diretta è che sarà possibile, mediante la chat, interagire ponendo domande e richieste su quanto verrà detto.
Nessun intento né confessionale nè negazionista, ma solo una occasione per poter comprendere meglio espressioni quali “nel più alto dei cieli”, la simmetria del racconto dei 6 giorni per la creazione (di derivazione probabilmente accadica o ugaritica), e vedere alcune ipotesi su quali eventi astronomici potrebbero essere stata la causa delle tenebre (una delle piaghe d’Egitto) o, per l'appunto, del fermati Sole di Giosuè. Un tema, quello dell’astronomia del Vecchio Testamento, che è stato trattato in passato da astronomi quali Newton o Schiaparelli.

Nell'immagine: la copertina di una delle prime interpretazioni scientifiche dei fatti astronomici citati nella Bibbia, scritta dal grande astronomo Giovanni Virginio Schiaparelli nel 1903. Questi è stato un grande cultore dell'astronomia antica, in grado di leggere le tavolette astronomiche mesopotamiche scritte in cuneiforme, di comprendere alcune teorie dell'antica Grecia, di cui si erano persi i significati matematici ecc.
 
Il cielo d'autunno: se ne parla a planetario on line
Scritto da Pietro Baruffetti   
Venerdì 24 Settembre 2021 06:18

Stasera, venerdì 24 settembre, a partire dalle 21:30, per planetario on line avremo una lezione in diretta, curata dal’astronoma Lucia Papalini e da Irene Baruffetti. L’incontro, potrà essere seguito appunto in diretta e rimarrà comunque visibile. registrato, sulla pagina fb del gruppo astrofili massesi. Il vantaggio della visione in diretta è che sarà possibile, mediante chat, interagire con le relatrici, ponendo domande e richieste su quanto verrà detto. L’argomento sarà “il cielo d’autunno”, una presentazione degli oggetti (costellazioni e pianeti, stelle, ammassi e galassie) visibili nel cielo in questo periodo, sia dal punto di vista scientifico che aneddotico e mitologico. Il cielo autunnale di questa fine 2021 è arricchito dalla presenza in cielo dei pianeti Venere, Giove e Saturno, visibili all’inizio della serata. Venere è in particolare il “faro di luce” che possiamo scorgere poco sopra l’orizzonte, subito dopo il tramonto, guardando in direzione del mare. Seppure meno spettacolare dei cieli estivi o invernali, anche l'autunno mostra oggetti interessantissimi, a partire dalla celebre Galassia di Andromeda, la galassia "nostra vicina di casa", essendo distante poco più di 2,5 milioni di anni luce dal Sole.

Nell'immagine: fotomontaggio che mostra le dimensioni che ci mostrerebbero la Luna e la Galassia di Andromeda, se quest'ultima potesse essere più luminosa di quanto si mostri nel cielo. In realtà ad occhio nudo, in un cielo di media qualità, si percepisce solo il nucleo della galassia stessa, che è ben visibile con un comune binocolo. I bracci a spirale e gli altri particolari vengono fuori solo in fotografia e con telescopi al di sopra del 20 cm di diametro. Si tratta comunque dell'unica galassia visibile ad occhio nudo (se si escludono le Nubi di Magellano che sono due galassie satelliti della nostra Via Lattea, poste molto più vicine a noi).

 
Gli appuntamenti (on line) da qui a fine anno
Scritto da Pietro Baruffetti   
Giovedì 16 Settembre 2021 14:28

Come noto, il planetario è attualmente inaccessibile causa lavori all'edificio della scuola primaria che ospita il planetario. La parte di struttura col planetario non è direttamente coinvolta, però per motivi di sicurezza il comune di Carrara ci ha pregato di soprassedere, non potendo garantire la sicurezza notturna degli accessi data la presenza di impalcature ecc. Nella speranza che i lavori terminino al più presto, abbiamo deciso di riprendere, già da due settimane gli incontri on line, mediante lezioni in diretta o registrate.

Gli argomenti che avevamo calendarizzato per l'ultimo quadrimestre del 2021 compaiono nella tabella qui a lato. Cercheremo per quanto possibile di pubblicare la lezione nella serata del venerdì prevista, a partire dalle ore 21, sulla pagina facebook del gruppo astrofili massesi. Fino alle 23 della serata stessa, sarà presente on line (nella chat) il curatore della lezione, per rispondere a domande o suggerimenti dei partecipanti.

 
Riprende "Planetario on line" con: "Dante e l'astronomia"
Scritto da Pietro Baruffetti   
Giovedì 09 Settembre 2021 15:05

Nella notte fra il 13 e il 14 settembre 1321 (per l’epoca era già il 14, dato che in Italia, fino alla conquista napoleonica, i giorni terminavano e iniziavano col tramonto del Sole) moriva a Ravenna, Dante Alighieri, il “Sommo Poeta” della lingua italiana. Ci sarebbe piaciuto festeggiarlo in altro modo, presso il planetario, ma purtroppo questo è coinvolto nei lavori di ristrutturazione dell’edificio della scuola primaria che ospita il planetario stesso. Non potevamo però lasciar passare senza menzione questo evento importante, su cui si è incentrata molta programmazione letteraria, musicale e artistica italiana in quest’anno settecentesimo dalla morte del poeta fiorentino. Riprenderemo quindi con lui gli incontri di “planetario on line” in attesa di poter tornare appena sarà possibile alle lezioni “dal vivo” e alla possibilità di vedere al telescopio gli oggetti del cielo.

Riproporremo quindi, a partire dalle 21 di venerdì 10 settembre, la lezione on line che fummo già costretti a realizzare (allora di trattava del lockdown Covid) lo scorso anno. La stessa sera, dalle 21 alle 23, sarà possibile interagire in diretta, ponendo domande o suggerimenti, sulla chat che accompagnerà la pubblicazione del video nella pagina facebook del gruppo astrofili massesi.

Un cordiale saluto a tutti

Nell'immagine: una recente emissione di francobolli della Repubblica di San Marino per i 700 anni dalla morte del poeta, riportava alcuni dei versi più iconici della Commedia

 
Per Dante e per le stelle cadenti
Scritto da Pietro Baruffetti   
Mercoledì 11 Agosto 2021 10:00

Stasera, 11 agosto, a partire dalle ore 21, il GAM terrà una lezione pubblica su Dante e l'astronomia, organizzata dalla Pro Loco di Cerreto (di Montignoso). Nel corso della serata si parlerà dei riferimenti astronomici presenti nella Commedia di Dante, ma si coglierà occasione per far osservare Luna, Giove, Saturno al telescopio. Non lontano dal luogo dell'incontro c'è pure la zona di Pasquilio, da cui è possibile osservare, autonomamente, le stelle cadenti dello sciame delle Perseidi, che raggiungerà il suo massimo fra oggi e domani sera.

La lezione sara anche in diretta streaming (a partire dalle 21:30 circa) a: https//fb.me/e/1fE8pksCG

 
Sospensione attività al planetario
Scritto da Pietro Baruffetti   
Lunedì 09 Agosto 2021 13:57

Ci scusiamo con tutti gli appassionati, cittadini e turisti, ma abbiamo appreso oggi che la scuola che ospita il planetario è stata chiusa per alcuni lavori edilizi urgenti, pertanto

LE ATTIVITA' PRESSO IL PLANETARIO SONO SOSPESE, E NON E' POSSIBILE DARE AL  MOMENTO INDICAZIONE DEL TERMINE DEI LAVORI.

Qualche giorno per sistemaci e, nella speranza di poterci rivedere al più presto dal vivo, riprenderemo con le lezioni on-line del venerdì sera.

 
Venerdì 30 luglio: al Planetario "Astronomia e Musica"
Scritto da Pietro Baruffetti   
Martedì 27 Luglio 2021 14:10
Cosa hanno in comune astronomia e musica? Ben poco apparentemente, se si esclude il fatto che siano le più "immateriali" fra le scienze e le arti, costituite come sono, nel caso della musica, da invisibili ed intangibili vibrazioni dell'aria e nell'altro da oggetti immensi e concreti ma lontanissimi ed immodificabili.
In realtà, come si dimostrerà nell'incontro di questo venerdì, 31 luglio, ore 21:15, presso il planetario comunale "A. Masani" di Marina di Carrara (via Bassagrande 47), i legami fra astronomia e musica sono strettissimi, fin dalle origini stesse della civiltà e continuamente rinnovati. Alcuni esempi? Per molte culture l'Universo trae origine da un suono, e c'è una vibrazione sonora od un canto preesistente alla nascita stessa dell'universo (mito sorprendentemente attuale quando si pensi che la cosmologia moderna ipotizza il Big Bang come prodotto da vibrazioni quantiche nel vuoto...). Ma, al di là del mito, sono molti i casi di astronomi-musicisti (tanto per citarne alcuni: Galileo Galilei, William Herschel, Albert Einstein, Brian May) che hanno praticato a buon livello entrambe le arti liberali (come erano definite nel Quadrivio di Boezio che fu la base della struttura scolastica di tutto il Medioevo). Sono poi innumerevoli i riferimenti astronomici nelle composizioni musicali (dall'opera al pop), spesso semplici rimandi poetici, ma molte altre volte intenzionali e raffinati. Non è poi un caso che i nomi delle note siano 7 (come i "pianeti" noti agli antichi) e 12 i semitoni in una ottava musicale (come i mesi dell'anno o le costellazioni zodiacali), oppure che la Luna compaia nel titolo e nel testo di migliaia di canzoni.
Di questo e d'altro ancora, a partire da esempi ed esecuzioni musicali dal vivo, si parlerà nell'incontro a cui si può accedere solo sui prenotazione, via sms o whatsapp al 333 1731533 o via mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .it
Si ricorda che vigono i principi di sicurezza antiCovid (distanze, mascherine, ecc.) e che al termine del tema della serata ci saranno le consuete osservazioni (all'interno della cupola e all'esterno) dei principali oggetti astronomici visibili nel periodo.

Nell'immagine: Alcuni musicisti-astronomi di cui scopriremo aspetti inconsueti durante l'incontro
 
CALENDARIO GIU-AGO 2021 INCONTRI AL PLANETARIO
Scritto da Pietro Baruffetti   
Martedì 27 Luglio 2021 00:00

Ecco il calendario degli appuntamenti presso il planetario, da giugno ad agosto 2021.

Per avere una durata adeguata, date le cangianti normative AntiCovid, fino all'11 giugno gli appuntameti inizieranno alle ore 21. Nel calendario abbiamo indicato in verde le lezioni nuove (ovvero mai svolte negli anni precedenti), e in rosso le attività che si svolgerebbero in giorni e/o orari diversi dal venerdì sera ore 21:15 (giorno e orario tradizionale delle iniziative al calendario). Seguiteci su queste pagine per eventuali aggiornamenti. Varranno le normative anti-covid vigenti alla data dell'iniziativa (per mascherine, igiene mani, numero massimo di accessi ecc.). Per come effettuare la prenotazione, obbligatoria e per iscritto, seguire le norme dettagliate in apposito post poco più avanti. Ricordiamo che l'ingresso prevede un costo di 3 €, esclusi i minori residenti nel comune di Carrara, per i quali è gratuito.
 
DOMENICA 4 LUGLIO, APERTURA POMERIDIANA DEL PLANETARIO
Scritto da Pietro Baruffetti   
Sabato 03 Luglio 2021 10:19

Domenica 4 luglio, presso il planetario comunale "A. Masani" di via Bassagrande 47 a Marina di Carrara, apertura pomeridiana (inizio ore 18) del planetario. Sarà occasione anche per poter vedere i nuovi pannelli del modello in scala del Sistema Solare, recentemente restaurati e presenti nel parco della scuola del Paradiso, che ospita il planetario. La partecipazione sarà sottoposta alle norme igieniche vigenti e potrà avvenire esclusivamente mediante prenotazione scritta (whatsapp o sms al 3331731533  oppure con una email a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ). Data la limitatezza dei posti disponibili in questo periodo di misure sanitarie (15, assai ridotti rispetto alla capienza ordinaria) ci scusiamo fin d’ora con chi dovesse risultare escluso. Questo tipo di aperture, particolarmente adatte a gruppi con bambini piccoli, non ha un tema teorico specifico, ma verranno presentati appunto il modello in scala del Sistema Solare e le 3 meridiane presenti nel parco della scuola, oltre che la visione di stelle e costellazioni sotto la cupola del planetario e l’osservazione del Sole al  telescopio.

Nella foto: una immagine del Sole di oggi (3 luglio), che mostra la presenza di una grande macchia solare che sarà visibile anche domani dal planetario. Il Sole stesso ha iniziato da pochi mesi un nuovo ciclo della sua attività undecennale.

 
VENERDI' AL PLANETARIO: "EINSTEIN E L'ASTRONOMIA"
Scritto da Pietro Baruffetti   
Mercoledì 30 Giugno 2021 09:44

Questo venerdì 2 luglio, alle ore 21,15, sfidando la coincidenza con la partita della Nazionale, consueta lezione settimanale presso il Planetario comunale "A. Masani" di via Bassagrande 47 a Marina di Carrara. Si partirà prendendo spunto dal tema "tutto è relativo: Einstein e l'astronomia".L'incontro sarà occasione per chiarirsi i concetti legati alla "Teoria della Relatività Generale" promulgata poco più di 100 anni fa. In essa era, ad esempio, prevista l'esistenza di "onde gravitazionali", che sono state rilevate con molto interesse per la prima volta pochi anni fa; osservazione che è valsa, per i principali protagonisti, il premio Nobel per la fisica assegnato nel 2017.

E' questo solo uno dei tanti legami fra Astronomia e Einstein, da cui il titolo dell'incontro. Per citarne almeno un altro, forse non tutti sanno che fu proprio una osservazione astronomica (durante un'eclisse di Sole di poco più di 100 anni fa - per l'esattezza il 29 maggio 1919) a fornire una prima decisiva prova che le ipotesi di Einstein - che rivoluzionavano in gran parte concetti comuni quali quello di spazio o di tempo - erano verificate nella realtà e che quindi la fisica andava in buona parte riscritta od aggiornata. Nell'incontro verranno spiegati, in maniera semplice ed accessibile, i concetti base della Relatività Generale, con particolare riferimento ai fenomeni astronomici. Si devono, infatti, alle teorie di Einstein la spiegazione di fenomeni quali i buchi neri, il progressivo modificarsi delle orbite planetarie, le lenti gravitazionali, le anomalie osservate in alcune galassie.

All’inizio ed al termine dell’incontro teorico, i consueti appuntamenti col cielo come appare sotto la cupola del planetario, e, meteo permettendo, con l'osservazione diretta nel cielo, ad occhio nudo ed al telescopio degli oggetti astronomici visibili, in questo periodo. In questo periodo valgono norme di sicurezza molto stringenti dettagliate sul sito e sulla pagina fb del gruppo astrofili massesi (che gestisce il planetario). saranno ammesse solo le prime 15 persone che si saranno prenotate, obbligatoriamente solo via sms o whatsapp al 333 1731533, o tramite l'indirizzo mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Nell’immagine: Einstein nel 1931, mentre osserva col telescopio di Monte Wilson (all'epoca il più grande telescopio del mondo). Sullo sfondo Edwin Hubble. Quest’ultimo aveva scoperto 2 anni prima la legge che afferma che tutte le galassie si stanno allontanando dalla nostra, con velocità proporzionale alla distanza; la cosiddetta legge di Hubble (o, più correttamente, di Hubble-Lamaitre), da cui scaturirà di lì a poco l'ipotesi del Big Bang. Tale ipotesi  inizialmente non piacque per nulla ad Einstein, che elaborò addirittura una teoria alternativa, ritrovata recentemente fra i suoi appunti del 1931.

 
VENERDI’ AL PLANETARIO: ALLA SCOPERTA DELL’ORIGINE DEI NOMI DEGLI OGGETTI DEL CIELO
Scritto da Pietro Baruffetti   
Martedì 22 Giugno 2021 21:42

Questo Venerdì, 25 giugno, alle ore 21.15 nuovo appuntamento settimanale al planetario comunale "A. Masani" di via Bassagrande 47 a Marina di Carrara. La partecipazione sarà sottoposta alle norme igieniche vigenti e potrà avvenire esclusivamente mediante prenotazione anticipata scritta, con le modalità indicate nel sito web e nella pagina fb del Gruppo Astrofili Massesi. L’incontro di questo venerdì avrà come tema “La nomenclatura astronomica”. Chi ha dato il nome alle stelle o ai pianeti? Cosa significano i loro nomi? Chi stabilisce il nome delle comete o degli asteroidi, o dei particolari che si vedono sulla Luna, su Marte ecc ? Si scoprirà che le stelle ordinarie hanno anche più di una decina di "nomi", ossia numeri di catalogo diversi a seconda del catalogo a cui facciamo riferimento, o del fatto di essere stelle doppie o variabili. Seguirà la visione del cielo (sotto la cupola, e meteo permettendo, anche nel cielo reale) per riconoscere le costellazioni e le stelle principali, con i loro miti e i loro dati scientifici. Data la limitatezza dei posti disponibili (15) ci scusiamo fin d’ora con chi dovesse risultare escluso.

Nell’immagine: molte volte le nebulose gassose, oltre a uno o più numeri di catalogo differenti, portano anche un soprannome con cui le si designa più facilmente. Ad esempio questo oggetto, catalogato come NGC 2392, ha addirittura due soprannomi diversi: la Nebulosa Eschimese, o la Nebulosa Clown. A voi la scelta su a chi possa assomigliare di più…

 
«InizioPrec.1234567Succ.Fine»

Pagina 2 di 7